Pensioni pubblico impiego 40 anni di contributi e poi?

Home»Articoli»Pensioni pubblico impiego 40 anni di contributi e poi?
Pensioni pubblico impiego 40 anni di contributi

Pensioni pubblico impiego con 40 anni di contributi e poi cosa accade?

Affrontiamo cosa è cambiato negli ultimi anni per le pensioni della pubblica amministrazione e chi può andare in pensione.

Pensione pubblico impiego 40 anni di contributi non bastano

Come se non bastasse la legge Fornero sono state due le principali riforme che hanno cambiato i requisiti di pensionamento dei dipendenti pubblici donne e uomini, ormai tutti andremo in pensione sempre più in là nel tempo.

Come mai e quali sono queste leggi che hanno modificato il diritto al pensionamento anche per i dipendenti pubblici?

Le due leggi principali sono il decreto legge sul pubblico impiego (Dl 101/2013) e il decreto legge sulla Pubblica Amministrazione (Dl 90/2014).

Questi due nuovi provvedimenti normativi hanno di fatto modificato il funzionamento per la risoluzione unilaterale del contratto tra dipendente e P.A.

Cosa cambia?

Innanzitutto non è più possibile il cosiddetto “trattenimento in servizio”.

Questa ipotesi consentiva di rimanere in servizio per ulteriori due anni oltre l’età per il pensionamento.

Mentre ci sono state modifiche anche per quanto riguarda la pensione anzianità nel pubblico impiego.

Questo poiché il rapporto di lavoro con la Pubblica Amministrazione si conclude una volta raggiunta la massima età contributiva.

La vedremo più avanti quando affronteremo i i requisiti per la pensione anzianità per il pubblico impiego.

I due riferimenti sono apparsi a molti in contrasto con quanto formulato dalla legge Fornero.

Questa consentiva ai lavoratori di andare più in là in pensione di anzianità e così avere fino all’ultimo la possibilità di aumentare il proprio assegno pensionistico.

Ma nulla di fatto, la pensione del pubblico impiego prevede come tutti il limite di 40 anni contributi e poi fuori, con una bella beffa per chi purtroppo prende un assegno misero ed avrebbe ancora le forze per restare a lavoro.

Pensione pubblico impiego 40 anni contributi fino al 2011

In passato, nello specifico fino al 2011 alla pensione pubblica si poteva accedere con alla pensione pubblico impiego 40 anni di contributi.

Oggi le P.A. devono invitare ad andare in pensione d’ufficio tutti coloro che maturano qualsiasi diritto alla pensione.

In pratica una volta raggiunto il limite ordinamentale per la permanenza in servizio arriva la pensione anche per i pubblici dipendenti.

Ad esempio, secondo le passate regole per la pensione donne pubblico impiego a 65 anni maturavano già il diritto per andare in pensione.

Chi alla data del 31/12/2011 aveva maturato i requisiti per la pensione pubblico impiego e aveva minimo 40 anni contributi può ancora accedere alla pensione, ci auguriamo siano una rarità.

Ma per chi ha la cosiddetta quota 96, ossia la somma tra età anagrafica e e contributi dà 96, può accedere alle pensioni dipendenti pubblici con le norme previste.

Chi, invece, prima del 2011 avesse maturato 40 anni di contributi può accedervi a prescindere dall’età anagrafica.

Anche qui ad oggi si consiglia di valutare anche il caso di uscita con la pensione anticipata prevista per il pubblico impiego.

Per questo in molti ci sono rimasti male scoperto che anche per la pensione anticipata nel pubblico impiego vigono ormai gli stessi vincoli del settore privato.

La pensione pubblici dipendenti  arriva a 67 anni e con il possesso di almeno 20 anni di contributi.

pensioni dipendenti pubblici

Pensioni pubblico impiego:

Ritardare la pensione a 70 anni dipendenti pubblici si può ancora?

Se però vi accorgete che l’assegno pensionistico non sarà sufficiente per garantirvi un buon tenore di vita solo in questo caso è ammessa una permanenza e si rende possibile il ritardo della pensione nel pubblico impiego.

In questo caso la pensione pubblico impiego donne o uomini arriverà a 70 anni.

La pensione a 70 anni dipendenti pubblici è concessa non oltre la maturazione dei 20 anni di contributi necessari per la pensione anzianità pubblico impiego.

Per loro il limite per rimanere in servizio è più alto di 5 anni.

Pensioni pubblico impiego:

La risoluzione facoltativa

Sempre secondo la legge 90 del 2014 le amministrazioni pubbliche possono anticipare la pensione del pubblico impiego sia per le donne sia per gli uomini.

In quale caso?

Su presentazione di istanza motivata dal destinatario in merito alle esigenze amministrative dell’ente richieda di anticipare la risoluzione unilaterale del contratto.

Ma anche qui la pensione pubblico impiego 40 anni di servizio non è possibile se non si è maturato il diritto al 2011.

Prima della messa in uscita il dirigente dovrà comunicare almeno sei mesi prima l’arrivo della pensione pubblici dipendenti possono così avere il tempo per fare le dovute valutazioni.

Sebbene a nostro avviso sia poco in effetti, pensate solo alle valutazioni che si devono fare in quel momento dove uno è più avanti con l’età ed ha anche molto probabilmente un carico di responsabilità familiari elevato.

Pensioni pubblico impiego:

I requisiti pensione pubblici dipendenti

Possono andare in pensione anticipata tutti coloro che lavorano nel pubblico impiego e hanno maturato almeno 42 anni e 10 mesi di contributi.

Mentre per la pensione contributiva le donne del pubblico impiego possono se hanno 41 anni e 10 mesi e comunque anche per loro vige un requisito anagrafico: possono andare in pensione solo i pubblici dipendenti con almeno 62 anni di età.

Unica eccezione sono la famosa Opzione donnaQuota 100.

In questo caso vi consigliamo di fare attente valutazioni per poter proseguire perché potrebbero esserci alcune detrazioni sull’assegno finale dovuto anche all’anticipo stesso.

pensione pubblico impiego 40 anni contributi

Il prepensionamento per le donne del pubblico impiego, ma anche per gli uomini, è previsto anche nel caso secondo le nuove norme della spending review determinano l’avvio di procedimenti amministrativi dovuti ad esuberi nelle risorse impiegate.

E voi rientrate tra coloro che maturano il requisito nel 2011 o dovrete aspettare i 41 anni di contributi?

Fatemi sapere le vostre opinioni qui nei commenti.

Video corso “Check-up pensionistico” dove ti spiego esattamente i passi da fare per ottimizzare la tua situazione pensionistica e per scoprire se hai bisogno di correre ai riparo oppure no (prima che sia troppo tardi!)

Danilo Zanni

0Commenti

    Lascia un commento